Essere un “presidente cattolico” non è più di moda

Al Smith presidente cattolico Joe Biden
Una lettura di 4 minuti

Al tempo di Al Smith fu una mezza sconfitta, e per John Kerry una sconfitta completa. Al tempo di John Fitzgerald Kennedy fu uno scandalo. E quello di Joe Biden, forse, è il tempo dell’indifferenza. Perché essere un “presidente cattolico”, negli Stati Uniti, non va più di moda.

Leggi tutto

Share

E non abbandonarci all’insediamento (di un nuovo Presidente Usa)

Washington Capitol Hill Jesus saves
Una lettura di 5 minuti

Alle cerimonie di insediamento dei nuovi Presidenti Usa si prega. Pregano i cristiani, e non solo. Così sarà anche con Joe Biden, il prossimo 20 gennaio, con il ritorno del Cattolicesimo (e dei Gesuiti) sulla scena, come già con Donald Trump. Con risultati tutti da verificare.

Leggi tutto

Share

Quei problemi che la morte non risolve

Pena di morte
Una lettura di 5 minuti

Ci sono iniezioni alle quali attribuiamo, forse con un eccesso di trasporto, il potere di ridarci la vita. E altre in grado di toglierla. In entrambi i casi, ne facciamo il simbolo della presunta soluzione ad un problema. Da una dose di vaccino attendiamo la restituzione della nostra normalità, o almeno di qualcosa che assomigli nuovamente al quieto vivere dei nostri individualismi. Ad una dose di pentobarbital, Pavulon e cloruro di potassio pretendiamo di affidare la giustizia e la pace.

Leggi tutto

Share

Chiesa in Polonia sotto attacco. Con singolare tempismo

Giovanni Paolo II Chiesa Polonia
Una lettura di 6 minuti

Per una singolare coincidenza di tempi, dense nubi sovrastano la Chiesa in Polonia: crimini, coperture e una crescente sfiducia. Tali da allungare ombre anche sulla figura di Giovanni Paolo II.

Leggi tutto

Share

Da Biden a Lukashenko. Il “vizio” italiano è fermo al Re di Francia

Americano a Roma, esterofilia
Una lettura di 4 minuti

Soltanto le elezioni negli Stati Uniti, con il relativo seguito di opposte tifoserie, hanno ottenuto ciò che in questi mesi era sembrato impossibile: scalzare dalle aperture di quotidiani e telegiornali nazionali la pandemia di Covid-19. Non un vaccino, quanto piuttosto un temporaneo palliativo, dotato però della forza di un vizio storico dell’Italia: l’esterofilia.

Leggi tutto

Share