La fede e gli sponsor. Dove arriva la Sagrada Familia e forse non arriverà Notre-Dame

Notre-Dame, Parigi, incendio, persone
Lo leggi in 3 minuti

Sponsor milionari, efficientismo e promesse elettorali. Oppure a dire l’ultima parola su Notre-Dame sarà l’iniziativa popolare? Insieme al respiro lento degli edifici sacri, “opere vive” sin dalla loro costruzione.

Leggi tuttoLa fede e gli sponsor. Dove arriva la Sagrada Familia e forse non arriverà Notre-Dame

Share

Cronaca delle ceneri. Notre-Dame già simbolo di ricostruzione: dell’Europa e della Chiesa

Notre-Dame, incendio
Lo leggi in 2 minuti

La cattedrale di Notre-Dame ferita da un doloroso incendio è già diventata il simbolo della ricostruzione. Non solo di uno dei maggiori monumenti della Cristianità mondiale, ma anche delle radici cristiane dell’Europa e del recupero dell’unità della Chiesa, ferita dalle divisioni.

Leggi tuttoCronaca delle ceneri. Notre-Dame già simbolo di ricostruzione: dell’Europa e della Chiesa

Share

Erdogan ci riprova. La poca “Sapienza” su Santa Sofia

Erdogan, Turchia, Santa Sofia
Lo leggi in 2 minuti

In campagna elettorale non c’è “Sapienza” che regga. A tre giorni dalle elezioni amministrative in Turchia, il presidente Recep Tayyip Erdogan rilancia il progetto di far “tornare” Santa Sofia una moschea. Con un occhio a Gerusalemme e uno agli Stati Uniti.

Leggi tuttoErdogan ci riprova. La poca “Sapienza” su Santa Sofia

Share

Exodus. Una mostra fra arte, spettacolo e migrazioni

Safet Zec, Exodus, zattera, migranti
Lo leggi in 3 minuti

Verrà inaugurata mercoledì 20 febbraio presso la chiesa di San Francesco Saverio al Caravita a Roma la mostra “Exodus”, imponente ciclo pittorico dell’artista Safet Zec. Fra arte, spettacolo e cultura, un’occasione per riflettere su cosa sono (davvero) le migrazioni.

Leggi tuttoExodus. Una mostra fra arte, spettacolo e migrazioni

Share

Merkelis Giedraitis: un vescovo che piace a Francesco

Merkelis Giedraitis, vescovo Lituania
Lo leggi in 3 minuti

C’è la Collina delle croci, lungo la strada che collega Kaliningrad a Riga, con i suoi oltre 400 mila crocifissi piantati secondo una devozione popolare che dura da secoli. E poi Vilnius, capitale della Lituania, con la cattedrale e la celebre Porta dell’Aurora, la cui cappella accoglie un’effigie di Maria Madre della Misericordia ritenuta miracolosa e dove nel 1993 Giovanni Paolo II recitò il Rosario. Simboli, fra i tanti, della storia di un Paese. Insieme ad un altro, spesso sottovalutato, che incarna l’identità nazionale lituana. E che potrebbe piacere a Francesco.

Leggi tuttoMerkelis Giedraitis: un vescovo che piace a Francesco

Share