La follia del partire parla anche rumeno

Emigranti italiani, Romania
Lo leggi in 1 minuto

Segnalo la bella trasmissione di Radio Vaticana in lingua rumena di Anca Mărtinaş, che nella puntata di ieri, domenica 24 luglio, si è occupata del mio libro “La follia del partire, la follia del restare”, dandone interessanti chiavi di lettura. Qui l’audio della trasmissione e la relativa trascrizione, in lingua rumena.

Mulţumesc e un saluto a tutti gli amici della Romania!

Share

Padre Federico Lombardi, l’ombrello del Papa. Prime e ultime volte

Lo leggi in 4 minuti

Lo scandalo pedofilia, «il momento più difficile e sofferto». Ma anche Vatileaks, la rinuncia di Benedetto XVI e il primo papa gesuita della storia. E la riforma dei mezzi di comunicazione vaticani. Ma qual è stata la prima volta di padre Federico Lombardi? E quale sarà l’ultima? Con in mezzo un libretto.

Leggi tuttoPadre Federico Lombardi, l’ombrello del Papa. Prime e ultime volte

Share

Padre Lombardi: migrazioni cambiano il mondo, ma l’attenzione è alla persona

Papa Francesco in visita al Chicco e presentazione del libro alla Radio Vaticana, malattia mentale
Lo leggi in 2 minuti

Papa Francesco alla comunità “Il Chicco” e i migranti alla Radio Vaticana: storie di attualità e urgenza della malattia mentale. Venerdì 13 maggio, negli stessi minuti in cui papa Francesco visitava la comunità per disabili mentali “Il Chicco” di Ciampino, «elogio dell’imperfezione» e dell’accoglienza, si svolgeva presso la Radio Vaticana la presentazione del mio libro “La follia del partire, la follia del restare” scritto per la Fondazione Migrantes. Una sovrapposizione temporale che non può passare inosservata e che conferma la salute mentale di migranti e non migranti come una urgente questione di salute pubblica. Quella dei migranti, in particolare, è una quota di popolazione fragile e particolarmente esposta a rischi fisici e psicologici.

«Con le migrazioni oggi sta cambiando il mondo». Uno sguardo privilegiato, quello di padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede e portavoce del Papa, intervenuto alla presentazione. Con il movimento dei migranti il mondo «sta prendendo forma in un modo nuovo» e i continenti mutano sotto i nostri occhi per equilibri e popolazioni. Uno sguardo globale, che però non deve perdere di vista che i grandi fenomeni migratori rimangono «movimenti di persone, non di masse impersonali, di numeri, ma di persone singole, con la loro vita, con le loro speranze, con il loro destino, con le loro sofferenze».

La prospettiva – di papa Francesco, così come quella del libro – rimane saldamente orientata alla persona, perché se è vero che sono in corso mutamenti globali, è vero anche che da parte del Papa c’è «grande attenzione alla persona, alle singole persone», ai loro volti, ai disegni dei bambini, alla loro identità, al di là degli studi quantitativi.

Sul Faro di Roma e sul Sismografo – diretto da Luis Badilla Morales, anch’egli presente all’evento di presentazione – il resoconto degli interventi.

Da parte mia, un cordiale ringraziamento a tutti i relatori e agli intervenuti.

Share