Giubileo della Misericordia finito? Si può prorogare

Giovan Battista Crespi detto il Cerano, San Carlo consola gli appestati alle capanne, XVII secolo, Milano, Duomo di Milano
Lo leggi in 3 minuti

Si è concluso ieri, con la chiusura della Porta Santa a San Pietro, il Giubileo straordinario della Misericordia. Papa Francesco ha già precisato che «anche se si chiude la Porta santa, rimane sempre spalancata per noi la vera porta della misericordia, che è il Cuore di Cristo», così come non dovrebbero chiudersi «mai le porte della riconciliazione e del perdono». Una verità teologica che potrebbe anche diventare un atto di proroga del Giubileo: non sarebbe la prima volta.

Leggi tuttoGiubileo della Misericordia finito? Si può prorogare

Share

Confessarsi, pregare, leggere: quando la fede si fa app

app Vangelo del giorno e Liturgia delle Ore, Bibbia Cei e Chiesa cattolica, per smartphone e tablet
Lo leggi in 4 minuti

Ci sono app per pregare e leggere la Bibbia, ma anche per confessarsi e officiare la Messa. Ottime per i fedeli, ma il futuro della Chiesa è in un tablet? E se alcuni ci vedono il nuovo corso voluto da Francesco, altri temono l’ennesimo colpo alla liturgia.

Leggi tuttoConfessarsi, pregare, leggere: quando la fede si fa app

Share

Angelo Scola e il nuovo arcivescovo di Milano: pastore o partita a Risiko?

San Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano
Lo leggi in 5 minuti

Al via le consultazioni e, come il pubblico delle grandi occasioni, vaticanisti e semplici commentatori sono con il fiato sospeso per la nomina del successore di Angelo Scola alla guida della diocesi di Milano. Sarà qualcuno in linea con l’attuale arcivescovo o – come sembra più probabile, visti i rapporti non certo idilliaci tra Francesco e Scola – molto diverso? L’importante è che tutto non si riduca ad una partita di Risiko. O peggio, ad un gioco della politica.

Leggi tuttoAngelo Scola e il nuovo arcivescovo di Milano: pastore o partita a Risiko?

Share

Nino, Nana e Maria. L’anima cristiana della Georgia è donna

Lo leggi in 5 minuti

Sono le k’alebi, le donne, la vera anima della Georgia. Le dedebi, le madri instancabili che sostengono la famiglia e piangono di nascosto. E le beboebi, le nonne, nella loro malinconica dignità, che accompagnano le note del panduri nelle canzoni popolari. È sempre stato così in Georgia, come in buona parte dell’Europa, dell’Asia e, in fondo, del mondo intero. Anche nella fede. A poco più di un centinaio di chilometri ad est di Tbilisi, non distante dal confine con l’Azerbaigian, si trova uno dei simboli religiosi più importanti della Georgia, il Monastero di Santa Nino di Bodbe. Insieme alle reliquie della santa, custodisce una delle storie più affascinanti della Cristianità d’Oriente. Un misto di evangelizzazione e Divina Commedia, tutta al femminile.

Leggi tuttoNino, Nana e Maria. L’anima cristiana della Georgia è donna

Share

Non c’è più religione. Francesco, Martini e Biffi ad Assisi

Eugène Burnand, I discepoli Pietro e Giovanni accorrono al sepolcro la mattina della Resurrezione, 1898, Parigi, Museo d'Orsay
Lo leggi in 5 minuti

Ad Assisi si parlerà di religioni, rigorosamente declinate al plurale. Il Cristianesimo, però, non è una religione: parola di Francesco e Martini. E anche di Giacomo Biffi. Che amava raccontare una storia…

Leggi tuttoNon c’è più religione. Francesco, Martini e Biffi ad Assisi

Share

Nazismo cristiano e terrorismo islamico? L’esperienza di Benedetto XVI

Cristiani Tedeschi, Nazisti, Ludwig Müller
Lo leggi in 6 minuti

Nazismo storia superata? Tutt’altro. Il terrorismo che si dice islamico lo ha reso di nuovo d’attualità. Da una frase di Benedetto XVI e da qualcosa che – come lui – qualcuno ricorda ancora.

Leggi tuttoNazismo cristiano e terrorismo islamico? L’esperienza di Benedetto XVI

Share