Emirati Arabi, migranti e cristiani. L’occasione mancata dell’Europa (e dell’Italia)

Una lettura di 2 minuti

Lo stadio di Abu Dhabi gremito di fedeli, una croce alta 10 metri e la devozione mariana, che tanto bene rappresenta le raccomandazioni del Papa ai cristiani che vivono in Paesi a maggioranza musulmana: niente liti, dispute o crociate. Una bella immagine, della quale molti vanno – giustamente – orgogliosi. Ma che è rifiutata in casa.

+++

Circa 700 mila cattolici su una popolazione complessiva di quasi 10 milioni di abitanti. Una minoranza, ma che è sempre meno invisibile. La visita di Francesco negli emirati Arabi Uniti non è che la manifestazione più evidente di un contesto che vede una decina di parrocchie ricche di fedeli e una vitalità religiosa che in Europa sembra appartenere ormai al passato. Sono in molti a salutare con comprensibile orgoglio la vivacità del Cattolicesimo nel Golfo. Dimenticando, spesso, che si tratta di uno dei buoni frutti dell’immigrazione. I cattolici, al pari degli altri cristiani nel Paese, infatti sono quasi tutti lavoratori che provengono dall’estero.

In base agli ultimi dati diffusi dal Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, gli Emirati Arabi Uniti figurano fra gli Stati a maggiore presenza di cittadini stranieri residenti: il 3,2% dell’intera quota mondiale di migranti, pari a più di 8 milioni di persone. Gli Emirati Arabi si collocano, così, al 6° posto mondiale per presenza di cittadini stranieri, superando Paesi sui quali l’attenzione mediatica – troppo spesso eurocentrica – è più concentrata: Francia (che accoglie il 3,1% dei migranti mondiali), Canada (3,1%), Australia (2,7%), Spagna (2,3%) e Italia (2,3% dei migranti globali). Gli Emirati Arabi Uniti si collocano anche al 7° posto al mondo per numero di visti rilasciati (oltre 38 mila, nel 2016).

Leggi anche:  La Russia "tagga" il Papa e invia un messaggio all'Occidente

Una comunità cristiana – quella formata per lo più da cittadini filippini e indiani – della quale ora si sta scoprendo la ricchezza, umana e spirituale. E non soltanto per gli Emirati Arabi, ma per l’intera Chiesa universale. Dimostrazione di come, fra le mille sofferenze e criticità delle migrazioni, queste sappiano produrre ottimi frutti. Anche in Italia, dove quasi il 60% degli immigrati è cristiano? Diffidenza, esclusione dai consigli pastorali, paternalismo e i posti in fondo alle chiese raccontano, forse, un’altra storia.

© La riproduzione integrale degli articoli è vietata senza previo consenso scritto dell'autore.

close

Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti sui nuovi contenuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share