Educatori, padri ed elefanti

Una lettura di 3 minuti

Che avvenimenti di efferata crudeltà suscitino impressione, anche mediatica, è il segno inequivocabile di quanto di buono si agita, nonostante un assuefante intorpidimento, nel cuore dell’uomo. Che poi, sull’onda dell’attenzione comunicativa, sobrietà e riflessione vengano sopravanzate dal rumore di contrasti e strumentalizzazioni è forse inevitabile.


» En Español (Zenit)


Si additano, da tempo, le colpe di educazione e patriarcalismi. Una condanna in contumacia, perché – e non dev’essere un caso – si tratta precisamente di due ambiti ormai in fuga: la fuga della testimonianza, che dovrebbe concretizzarsi nel comportamento degli educatori, e la fuga dei padri, che è parte della crisi della famiglia.

Da anni – si badi, e non da giorni – si formulano ricette e si inaspriscono pene, frammentando dentro pacchetti preconfezionati di istituzioni ed istruzioni una crisi che, di contro, investe l’uomo nella sua integralità.

Una società che da tempo ha ucciso i propri padri – creatori, biologici, educativi o fondatori che siano – si dice oggi vittima di paternalismo e patriarcalismo.

Una società che vorrebbbe ridurre l’educazione ad un cumulo di nozioni ideologizzate, stratificate in diverse epoche, lamenta mancanza di valori nei giovani.

Abbagliati dalle tecnologie, abbiamo ridotto l’educazione a pacchetti di dati, e padri e figli ad elaboratori elettronici. Macchine che, per definizione, abbondano di input e difettano di consapevolezza.

La banalizzazione dell’uomo ad un essere solo materiale e la diffusione delle ideologie nell’insegnamento hanno contribuito a recidere il legame naturale tra le informazioni e il loro utilizzo critico e responsabile nella vita, che costituisce parte del processo di edificazione dei valori, prima ancora che di educazione ai valori, per la persona così come per la società.

Leggi anche:  La massa e i cani

Mancano un’educazione e padri che sappiano inquietare in profondità, gettare sale sulle ferite che la natura umana dona a ciascuno di noi, non ad addomesticare l’epidermide.

Mancano un’educazione e padri che sappiano insegnare ben più di uno stile di vita, ma a vivere con stile: anche di coscienza, di buon senso e di rispetto.

Mancano un’educazione e padri che siano anzitutto testimonianza di sé – bussola, mappa e supporto sulla strada delle decisioni importanti della vita.

A nulla varrà andare in cerca di soluzioni effimere finché non si avrà il coraggio di affrontare l’elefante nella stanza cui nessuno sembra voler far cenno: restaurare una cultura della vita e del vivere, nuova e vecchia insieme, certamente in controtendenza.

Per lungo tempo abbiamo camminato sulle spalle dei giganti. La sensazione, ultimamente, è quella di essere oppressi da un gigantesco nulla, inconsistente eppure pesantissimo.

© La riproduzione integrale degli articoli è vietata senza previo consenso scritto dell'autore.

Sostieni Caffestoria.it


Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti sui nuovi contenuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Skip to content