La Parola, la Chiesa, il mondo. Commento al Vangelo di rito ambrosiano 4 febbraio 2024

Una lettura di 5 minuti

Domenica della divina clemenza. Penultima dopo l’Epifania. Restiamo prossimi. Commento al Vangelo di rito ambrosiano, di don Alessandro Noseda.


✠ Vangelo Lc 7, 36-50
In quel tempo. Uno dei farisei invitò il Signore Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo. Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!». Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene». E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco». Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

Domenica della divina clemenza. Nel rito ambrosiano è la penultima domenica dopo l’Epifania.

Lui, Gesù, è l’uomo che cammina.

Forse è da Giovanni che ha imparato a camminare, ma a differenza del precursore, i suoi passi lo portano dal deserto alle case in cui la gente vive: è l’uomo che cammina, ma spesso sceglie di fermarsi.

Nelle case ci entra e siede a tavola.

Come quella volta in cui Simone il fariseo lo invita a cena, simile a un sarto che vuole prendere le misure, non però per regalargli una tunica, ma per mettergli in testa un cappello, che è poi quello del pregiudizio: che razza di profeta è mai questo?

Gesù potrebbe sottrarsi. Invece no. Ci sta.

L’uomo che cammina si ferma e resta lì, nel mezzo.

Anche quando arriva questa donna che si scioglie i capelli in pubblico e lo tocca intimamente, bagnandogli i piedi con le lacrime e cospargendoli di profumo, unguento di una prostituta.

Gesù resta lì. E sono due mondi a confronto: quello di Simone, convinto che la santità si realizzi per gradi di separazione, ovvero prendendo le distanze, come il libro del Levitico comanda (Lv 21,1), e quello di Gesù, nel quale Dio stesso mostra che la santità si realizza contromano, ovvero per gradi di comunione, perché il Levitico dice pure un’altra cosa (la più importante): “Amerai il tuo prossimo” (Lv 19,18).

Gesù resta prossimo.

Prossimo ad una peccatrice che viene perdonata, prossimo a un peccatore che invece di trovare Dio alzando muri se lo ritrova davanti determinato ad abbatterli tutti fino a non lasciarne neppure uno.

Restare prossimo, sempre e comunque: questa è la lezione di Gesù, l’uomo che cammina.

Don Alessandro

Don Alessandro Noseda. Nato a Cantù nel 1974. Dopo gli studi classici e la formazione teologica nel Seminario di Venegono, viene ordinato sacerdote nel 2000 dal card. Carlo Maria Martini. Svolge dapprima il suo ministero a Milano come assistente degli Oratori della parrocchia di San Giovanni Battista alla Bicocca e successivamente della parrocchia del Santissimo Redentore. Dal 2007 al 2011 è cappellano presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Attualmente è parroco nella parrocchia di Gesù a Nazaret, Quartiere Adriano.

© La riproduzione integrale degli articoli è vietata senza previo consenso scritto dell'autore.

Sostieni Caffestoria.it


Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti sui nuovi contenuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Skip to content