La Parola, la Chiesa, il mondo. Commento al Vangelo di rito ambrosiano 3 settembre 2023

Leggi in 3 minuti

I Domenica dopo il martirio di san Giovanni il precursore. Agli antipodi rispetto al palazzo. Commento al Vangelo di rito ambrosiano, di don Alessandro Noseda.


✠ Vangelo Lc 9, 7-11
In quel tempo. Il tetrarca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elia», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti». Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo. Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono a Gesù tutto quello che avevano fatto. Allora li prese con sé e si ritirò in disparte, verso una città chiamata Betsàida. Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.

In questa domenica che per il rito ambrosiano è la prima dopo il martirio di san Giovanni il precursore, il vuoto di scena lasciato dal Battista è riempito dalla persona di Gesù.

“Chi è dunque costui”? Erode non è il solo a porsi questa domanda, ma le premesse sono sufficienti a dirci come mai arriverà ad alcuna risposta (neppure quando avrà davanti lo stesso Gesù): “Giovanni l’ho fatto decapitare io”. Come avrebbe potuto lui, l’uccisore del Profeta, comprendere ed accogliere l’Atteso?

L’identità di Gesù può essere compresa solo da chi lo segue e nel momento in cui lo segue. Per questo i discepoli che tornano dal loro Maestro, dopo la missione, non solo riescono a vedere Gesù, ma rimangono anche nel suo riposo, in disparte, per raccontargli della loro vita e dei loro passi.

Sono agli antipodi rispetto al palazzo, in cui la salvezza trova le porte chiuse. Ancora una volta.

Don Alessandro

Don Alessandro Noseda. Nato a Cantù nel 1974. Dopo gli studi classici e la formazione teologica nel Seminario di Venegono, viene ordinato sacerdote nel 2000 dal card. Carlo Maria Martini. Svolge dapprima il suo ministero a Milano come assistente degli Oratori della parrocchia di San Giovanni Battista alla Bicocca e successivamente della parrocchia del Santissimo Redentore. Dal 2007 al 2011 è cappellano presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Attualmente è parroco nella parrocchia di Gesù a Nazaret, Quartiere Adriano.

© La riproduzione integrale degli articoli richiede il consenso scritto dell'autore.

Sostieni Caffestoria.it


Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti sui nuovi contenuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Skip to content