La Parola, la Chiesa, il mondo. Commento al Vangelo ambrosiano del 9 febbraio 2020

Una lettura di 3 minuti

Domenica 9 febbraio 2020. V Domenica dopo l’Epifania, Anno A. Commento al Vangelo di rito ambrosiano, di don Paolo Alliata.

+++

In quel tempo. Il Signore Gesù andò di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire. Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino. Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia. Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea. (Gv 4, 46-54)

«Alcuni dicono che, quando è detta, la parola muore. Io dico invece che proprio quel giorno comincia a vivere».

È un pensiero di Emily Dickinson. La scrittrice sta riflettendo sulla potenza della parola, che una volta pronunciata acquisisce vigor di creatura, comincia a respirare e a camminare con le sue gambe. Può diffondersi come un virus, se ha la natura del pettegolezzo o il fetore della calunnia, o scaldare e dar forza come un fuoco, se è radicata nella potenza della verità.

Resta il fatto che la parola è come un seme: ha bisogno di terreno buono per attecchire. A Cana di Galilea era già avvenuto (Gv 2,1-12) che cuori disponibili si fossero fatti terreno accogliente a un comando di Gesù. Alle sfortunate nozze di quei due giovani, lo sconosciuto rabbino di Nazaret aveva sfidato i servi di casa: andate a prendere acqua per le abluzioni. Era un comando parecchio strano: se è finito il vino, perché questo qui pensa all’acqua per lavarsi? Quelli si erano fidati, avevano dato credito alla sua parola, e ne erano scaturiti seicento litri di gioia.

È ancora a Cana, la fortunata cittadina sulle colline di Galilea, che Gesù affida la sua parola a un cuore travagliato: un padre implora per il suo bimbo, agonizzante a molte ore di cammino da lì. Gesù prima lo prepara – ti fidi davvero della mia parola? O pretendi in anticipo gesti clamorosi? – e poi lo mette davanti al bivio. Ora il funzionario dovrà decidere: scenderà a Cafarnao, dove si trova il figlio, aggrappandosi alla nuda parola del rabbino? Oppure cederà allo sconforto di chi dice “Come faccio a fidarmi? E se poi arrivo là e non è cambiato niente?”.

Perché la Parola cominci a vivere e trasformare il mondo ha bisogno di un cuore accogliente per attecchire.

Siamo tutti impegnati ad imparare: diventare terreno profondo.

Il Signore ci accompagni.

Don Paolo Alliata

Don Paolo Alliata. Nato a Milano nel 1971, dopo la laurea in Lettere classiche all’Università degli Studi di Milano, viene ordinato sacerdote nel 2000 dal card. Carlo Maria Martini. Attualmente è vicario della comunità pastorale Paolo VI per la parrocchia di Santa Maria Incoronata a Milano. Autore di testi teatrali sull’Antico e sul Nuovo Testamento, è responsabile dell’Ufficio per l’Apostolato Biblico della Diocesi di Milano. Fra le sue pubblicazioni, Dove Dio respira di nascosto. Tra le pagine dei grandi classici (Milano, Ponte alle Grazie, 2018) e C’era come un fuoco ardente. La forza dei sentimenti tra Vangelo e letteratura (Milano, Ponte alle Grazie, 2019). Da due anni le sue omelie sono raccolte su un canale YouTube.

Share

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.