Wislawa Szymborska poesia Vangelo

La Parola, la Chiesa, il mondo. Commento al Vangelo ambrosiano del 26 gennaio 2020

Una lettura di 3 minuti

Domenica 26 gennaio 2020. Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, Anno A. Commento al Vangelo di rito ambrosiano, di don Paolo Alliata.

+++

In quel tempo. I genitori del Signore Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini. (Lc 2, 41-52)

«Ieri mi sono comportata male nel cosmo. / Ho passato tutto il giorno senza fare domande, / senza stupirmi di niente. / Ho svolto attività quotidiane, come se tutto ciò fosse il dovuto […]». (W. Szymborska, Disattenzione)

Gesù, invece, mostra di essere un giovane dalle molte domande. «Seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava». E poi crescerà e diverrà l’adulto dalle molte domande: nei Vangeli ne pone più di duecento, ad amici e nemici, ai dotti e ai semplici.

I rabbini dicevano: “Dio ha creato il punto di domanda e l’ha posto nel cuore dell’uomo”. E anche: “A Dio ci si avvicina più con le domande che non con le risposte. La domanda ha una forza che la risposta spesso non ha già più”.

Questa di Luca è una pagina di tante domande: dei genitori, di Gesù stesso. Chi vive pone, a se stesso, alle cose e ai compagni di viaggio, molte domande: vuole imparare, ha bisogno di cercare. La ricchezza di un cuore umano è proporzionale alla qualità delle domande che lo abitano.

Il Signore ci apra alla curiosità e alla ricerca, e ci preservi dalla inamovibile chiusura della stupidità.

Il Signore ci accompagni.

Don Paolo Alliata

Don Paolo Alliata. Nato a Milano nel 1971, dopo la laurea in Lettere classiche all’Università degli Studi di Milano, viene ordinato sacerdote nel 2000 dal card. Carlo Maria Martini. Attualmente è vicario della comunità pastorale Paolo VI per la parrocchia di Santa Maria Incoronata a Milano. Autore di testi teatrali sull’Antico e sul Nuovo Testamento, è responsabile dell’Ufficio per l’Apostolato Biblico della Diocesi di Milano. Fra le sue pubblicazioni, Dove Dio respira di nascosto. Tra le pagine dei grandi classici (Milano, Ponte alle Grazie, 2018) e C’era come un fuoco ardente. La forza dei sentimenti tra Vangelo e letteratura (Milano, Ponte alle Grazie, 2019). Da due anni le sue omelie sono raccolte su un canale YouTube.

Share

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.