La Parola, la Chiesa, il mondo. Commento al Vangelo di rito ambrosiano 21 gennaio 2024

Una lettura di 4 minuti

III Domenica dopo l’Epifania. Insostenibile. Commento al Vangelo di rito ambrosiano, di don Alessandro Noseda.


✠ Vangelo Mt 14, 13b-21
In quel tempo. Il Signore Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui». E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

Un’economia basata sulla crescita infinita non è sostenibile:
le leggi fondamentali della termodinamica
porranno dei limiti fissi all’innovazione tecnologica e al progresso umano.
In un sistema isolato, l’entropia può solo aumentare:
una specie basata sulla crescita infinita non è sostenibile.

Muse, Unsustainable (The 2nd law, 2012)

III domenica dopo l’Epifania, secondo il rito ambrosiano. La seconda legge della termodinamica impedisce la moltiplicazione dei pani: essa è fisicamente insostenibile, perché quasi assolutamente improbabile. Dunque ci vuole un miracolo! E Gesù l’ha fatto.

Ma a proposito di cose che si possono o non si possono fare, le stesse leggi della fisica affermano che anche la pretesa di vivere come la nostra società vive oggi è qualcosa di assolutamente impossibile da realizzare: “Una specie basata sulla crescita infinita non è sostenibile”, recita la futuristica e geniale canzone dei Muse dedicata alla seconda legge.

Dunque ci vuole un miracolo, ed è sempre il miracolo che ha compiuto Gesù. Come per Gesù la premessa al miracolo è la condivisione, così anche per vivere insieme in questo mondo ciò che deve essere massimizzato non è la crescita e l’utilizzo delle risorse, ma la condivisione.

Questo assunto è uno dei contributi più importanti che papa Francesco ci lascia come fulcro del suo pontificato: un’etica basata su una visione individualistica della persona è insostenibile. Viceversa, il personalismo basato sulla relazione è la strada da percorrere. L’enciclica Laudato si’ e la lettera Laudate Deum sottendono questo grande insegnamento.

L’etica del bravo bambino, con gli 8 in pagella che pensa solo a se stesso e si sente a posto, è insufficiente: ci sono cresciuto con quest’etica, ma non basta, perché se il compagno di banco, in pagella, ha la media del 4 la cosa riguarda anche me.

Le grandi compagnie sono le prime oggi a parlare di sostenibilità, ma non basta farne una questione di energie e di utilizzo delle risorse: la crescita infinita alla quale siamo chiamati è quella della solidarietà. Tutto il resto non sta in piedi.

Don Alessandro

Don Alessandro Noseda. Nato a Cantù nel 1974. Dopo gli studi classici e la formazione teologica nel Seminario di Venegono, viene ordinato sacerdote nel 2000 dal card. Carlo Maria Martini. Svolge dapprima il suo ministero a Milano come assistente degli Oratori della parrocchia di San Giovanni Battista alla Bicocca e successivamente della parrocchia del Santissimo Redentore. Dal 2007 al 2011 è cappellano presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Attualmente è parroco nella parrocchia di Gesù a Nazaret, Quartiere Adriano.

© La riproduzione integrale degli articoli è vietata senza previo consenso scritto dell'autore.

Sostieni Caffestoria.it


Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti sui nuovi contenuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Skip to content