L’agenda di Trump e la borsa di Francesco. Cina, Israele, ambiente e donne

Papa Francesco, Donald Trump
Lo leggi in 10 minuti

Cresce l’attesa per l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, previsto per le 17.30 di oggi, ora italiana, seguito dal giuramento alle 18. Fra balli e concerti sottotono, l’attenzione però si concentra già sul futuro degli Stati Uniti. Molte le questioni aperte, dalla politica internazionale – Cina, Russia e Israele su tutti – a migranti e ambiente, senza dimenticare donne, aborto e unioni omosessuali. Ma se l’agenda di Trump è piena, non lo è di meno la borsa di Francesco.

Leggi tuttoL’agenda di Trump e la borsa di Francesco. Cina, Israele, ambiente e donne

Auguri di un Natale di speranza

Profughi cristiani rifugiati nel campo di Levo, Iraq
Lo leggi in 1 minuto

A tutti i lettori e alle loro famiglie
l’augurio di un santo Natale ricco di gioia e di un nuovo anno felice,
con il cuore gettato a quanti pur non potendoli ottenere
continueranno a sperarli.

«A tutti gli uomini di buona volontà spetta un compito immenso: il compito di ricomporre i rapporti della convivenza nella verità, nella giustizia, nell’amore, nella libertà».
– Giovanni XXIII, enciclica Pacem in Terris, 11 aprile 1963, n. 87.

Nell’immagine: Profughi cristiani di Mosul rifugiati nel campo di Levo, Iraq (Photo by Gail Orenstein/NurPhoto/Sipa USA).

Sant’Ambrogio, una porta verso gli Ortodossi e la Cina

Sant'Ambrogio, Chiesa ortodossa, Cina, basilica, Milano
Lo leggi in 3 minuti

Celebrata ieri in molte chiese ortodosse la festività di sant’Ambrogio. Particolarmente sentita a Milano, dove il santo è da anni una porta aperta verso le comunità dell’est Europa. Ma anche verso la Cina, dove Ambrogio è modello per i giovani teologi in uno dei momenti più delicati della storia religiosa del Paese.

Leggi tuttoSant’Ambrogio, una porta verso gli Ortodossi e la Cina

Il 17 novembre nella Tirano che andò in Australia

Tirano, Valtellina, Sondrio, emigrazione italiana Australia
Lo leggi in 1 minuto

Appuntamento domani, 17 novembre, a Tirano (So), sui luoghi del mio libro “La follia del partire, la follia del restare” scritto per la Fondazione Migrantes.

Partirono infatti da Tirano – oltre che dal Canton Ticino – i pionieri dell’emigrazione italiana in Australia della metà dell’Ottocento. Una serata insieme ai loro discendenti, per raccontare le loro vite e fare memoria del loro destino in terra straniera.

L’appuntamento è alle ore 20.45 alla libreria “Il Mosaico” di Tirano (viale Italia, 29). Ingresso libero.

Nell’immagine: Tirano vista dall’eremo di Santa Perpetua.

Vi aspetto sabato 12 novembre al Refettorio Ambrosiano

Emigranti italiani, libro storia
Lo leggi in 1 minuto

Un incontro sul disagio mentale dei migranti, fra i migranti. Migranti di ieri e migranti di oggi: hanno qualcosa in comune? Spesso il dolore.

Se ne parlerà sabato 12 novembre alle ore 17.00 presso il Refettorio Ambrosiano di Milano Greco, in occasione della presentazione del mio libro La follia del partire, la follia del restare. Il disagio mentale nell’emigrazione italiana in Australia alla fine dell’Ottocento (Tau Editrice), scritto per la Fondazione Migrantes.

Con me Laura Arduini, psichiatra alla Casa della carità, e Francesco Chiavarini, giornalista di Scarp de’ tenis. Ingresso libero. Seguirà rinfresco con dolci preparati dai giovani migranti che hanno frequentato il corso di cucina organizzato dal Refettorio Ambrosiano.

Pagina dell’evento
Comunicato stampa Refettorio Ambrosiano
Fondazione Migrantes
L’evento su Milano Sette, inserto di Avvenire

Sposare una bambina per salvarla. Il dramma delle rifugiate in viaggio verso l’Europa

Spose bambine, rifugiati, guerra Siria
Lo leggi in 5 minuti

È uno degli aspetti più sconosciuti della tragedia dei rifugiati, spesso derubricato alla responsabilità della sola sharia, la legge islamica: è il dramma delle bambine costrette a sposarsi per sfuggire alla violenza dei campi profughi. Una violenza della quale l’Europa rischia di farsi complice.

Leggi tuttoSposare una bambina per salvarla. Il dramma delle rifugiate in viaggio verso l’Europa