Emirati Arabi, migranti e cristiani. L’occasione mancata dell’Europa (e dell’Italia)

Papa Francesco Emirati Arabi Uniti, messa stadio
Lo leggi in 2 minuti

Lo stadio di Abu Dhabi gremito di fedeli, una croce alta 10 metri e la devozione mariana, che tanto bene rappresenta le raccomandazioni del Papa ai cristiani che vivono in Paesi a maggioranza musulmana: niente liti, dispute o crociate. Una bella immagine, della quale molti vanno – giustamente – orgogliosi. Ma che è rifiutata in casa.

Leggi tuttoEmirati Arabi, migranti e cristiani. L’occasione mancata dell’Europa (e dell’Italia)

Arabia Saudita. Najran, un simbolo per capire il Medio Oriente

Najran, Arabia Saudita, Yemen, san Areta
Lo leggi in 3 minuti

Un tempo era un’oasi celebre per la più numerosa comunità cristiana della Penisola Araba, oggi è una città universitaria, teatro di guerra. Contesa per secoli fra le maggiori religioni, oltre che fra Arabia Saudita e Yemen, Najran è un simbolo della storia del Medio Oriente utile per capire il presente.

Leggi tuttoArabia Saudita. Najran, un simbolo per capire il Medio Oriente

Il Padre Nostro dello Yemen. La tentazione e il pane quotidiano

Bambino, Yemen, fame
Lo leggi in 2 minuti

L’attenzione internazionale e poi il silenzio, o quasi. È il destino dei simboli. Piccoli scorci di un mondo più grande, spesso triste, che appaiono e scompaiono, oscurati dal quotidiano. Un risveglio all’amara realtà per quanti avevano riposto le proprie speranze nella libertà e nell’immediatezza garantite dalla Rete.

Leggi tuttoIl Padre Nostro dello Yemen. La tentazione e il pane quotidiano

Unesco, una donna ebrea alla guida. Quando la bellezza è terreno di scontro

Unesco, Israele, Palestina e Stati Uniti
Lo leggi in 4 minuti

Cenerentole delle finanze statali, terreno di scontro sul piano internazionale. Sembra essere questo il triste destino di storia, cultura e bellezza, simboli di animi che si scaldano rapidamente. Mentre all’Unesco, accusato di politiche contro Israele e tornato nelle ultime ore al centro di una bufera in sordina, si prova a voltare pagina. Anche con una nuova direttrice ebrea.

Leggi tuttoUnesco, una donna ebrea alla guida. Quando la bellezza è terreno di scontro

Quando anche Dall’Oglio ammise le armi chimiche dei ribelli siriani

Guerra in Siria, armi chimiche
Lo leggi in 4 minuti

In inglese si chiama false flag, falsa bandiera, ma l’unico emblema è quello della crudeltà. La prima vittima della guerra è la verità, si dice. Nella guerra in Siria è un po’ più vero. E così, fra armi chimiche ed etica della rivoluzione, si scrive la nuova pagina di una tragedia disumana, dove di certo ci sono soltanto i morti e il dolore. Quelli sì innocenti.

Leggi tuttoQuando anche Dall’Oglio ammise le armi chimiche dei ribelli siriani

Come i Magi salvarono la Natività e il mondo fece la guerra per una stella

Magi (particolare), VI secolo, mosaico, Ravenna, basilica di San Vitale
Lo leggi in 3 minuti

Calze ripiene di dolciumi a parte, Epifania vuole ancora dire Magi e stella cometa. Simboli al centro della storia, non solo della salvezza. Come quando i Magi (e i loro cappelli) salvarono la basilica della Natività di Betlemme e Russia e Francia si fecero guerra per una stella.

Leggi tuttoCome i Magi salvarono la Natività e il mondo fece la guerra per una stella